“La Pala di San Marco: restauro e ricerche”. I video della presentazione del volume di studi

Nella Biblioteca monumentale del Museo di San Marco il pomeriggio del 5 maggio 2022 è stato presentato il volume La Pala di San Marco del Beato Angelico: restauro e ricerche, Firenze, edifir 2021, a cura di Cecilia Frosinini, che raccoglie i risultati del progetto di ricerca e conservazione sul fondamentale dipinto angelichiano condotto dall’Opificio delle Pietre Dure.

Invito_San_Marco_Presentazione_volume_220429

Come sottolinea nella prefazione Marco Ciatti, Soprintendente dell’Opificio, il lungo restauro dell’opera, ricollocata nel Museo di San Marco il 15 ottobre 2019, in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dall’istituzione del museo, «è stato segnato da molte difficoltà e da una non comune complessità che riguardava sia la conservazione del supporto ligneo, sia della pellicola pittorica e per entrambe sono state messe a punto specifiche ed innovative metodiche. Nei saggi presenti in questo volume (indice) della collana dell’Opificio “Problemi di conservazione e restauro” si dà conto proprio di questi studi e delle riflessioni che hanno portato a delle innovazioni tecniche».

2808.PALA-SAN-MARCO-576x768

A seguito dello smembramento e della perdita della struttura originaria, continua Marco Ciatti, «La Pala di San Marco, compiuta dall’artista per il suo stesso convento, a causa di questa dispersione aveva perso proprio questo forte significato identitario, anche a causa dei gravi danni subiti da maldestri interventi e dalle pesanti ridipinture conseguenti. Pertanto, uno dei risultati dell’attuale intervento, oltre alla corretta conservazione del supporto ligneo e alla restituzione di una corretta lettura dei suoi valori artistici, consiste proprio nell’aver evidenziato il suo ruolo centrale nell’attività del pittore e nell’immagine del Museo stesso, dedicato a questo insediamento domenicano».

La presentazione del volume è stata introdotta dai saluti di Stefano Casciu, Direttore regionale dei Musei della Toscana; Sandra Rossi, Direttore del settore restauro dei dipinti su tela e tavola dell’Opificio delle Pietre Dure; Angelo Tartuferi, Direttore del Museo di San Marco.

A seguire, Gerardo de Simone, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara e specialista di Beato Angelico, ha presentato una densa ricognizione degli studi storico-artistici presenti nel volume.

Infine, Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno e già Direttore dell’Opificio delle Pietre Dure, ha presentato gli studi tecnici e le indagini diagnostiche di cui è stata oggetto la Pala di San Marco.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...